Vaccini: una questione importante da non strumentalizzare

Nel Consiglio Comunale di ieri sera, abbiamo votato una mozione presentata dai Consiglieri di maggioranza avente in oggetto “Obbligo di vaccinazione per i bambini che intendono frequentare i nidi e le materne comunali” alla quale mi sono astenuto.

Non ho mai messo in discussione l’utilità dei vaccini, al contrario, ciò che ho contestato, è parte dell’impostazione della mozione stessa e la strumentalizzazione politica che si tenta di fare su questo importante argomento.

Questa la mia dichiarazione di voto:

La mozione dei Consiglieri di maggioranza avente in oggetto “Obbligo di vaccinazione per i bambini che intendono frequentare i nidi e le materne comunali” presentata oltre i limiti temporali concessi ai gruppi di minoranza (se si stabiliscono delle regole sarebbe giusto che tutti le rispettassero) entra di fatto solo nelle premesse di una tematica molto importante e che avrebbe bisogno di riflessioni serie al di fuori di ogni possibile strumentalizzazione.

Nel merito invece ci viene richiesto di appoggiare tre punti di cui a mio avviso uno è ampiamente condivisibile, uno praticamente inutile perché scontato, ed un altro decisamente incomprensibile.

Il terzo punto lo condivido appieno: avviare incontri che vedano la partecipazione delle istituzioni scolastiche, Asur, pediatri o qualunque altra figura in grado di fornire una valida informazione ai genitori sulla tematica in oggetto sarebbe auspicabile oltre che opportuno. Su questo campo mi vedrete sempre a favore e ove possibile collaborativo.

Sarebbe utile ad esempio creare sul sito del Comune una pagina dedicata all’approfondimento sui vaccini, sulle responsabilità individuali e collettive a cui sono legati e con l’obiettivo di contrastare la disinformazione dilagante in rete. Mi auguro quindi che questa Amministrazione inizi al più presto quest’opera di informazione e sensibilizzazione.

Il secondo punto mi sembra totalmente inutile: darei per scontato che i nostri uffici competenti, ove passasse qualsiasi legge nazionale o regionale, siano immediatamente pronti a modificare i regolamenti comunali esistenti pur di recepirla. Ci mancherebbe altro.

Del primo punto non se ne capisce l’opportunità. Mi chiedo in che modo e quali sarebbero gli strumenti di mediazione che il Sindaco dovrebbe attivare in Regione per accelerare l’iter di approvazione della proposta di legge sull’obbligatorietà vaccinale.

Come sicuramente conoscerete il testo della Proposta di Legge che questa mozione attesta di apprezzare, sarete anche a conoscenza del suo iter legislativo avviato nel novembre dell’anno passato.
Attualmente questa Proposta di Legge è ferma, non perché all’interno del Consiglio Regionale non ci sono i numeri o la volontà politica di portarla avanti ma perché come afferma la stessa Assemblea Legislativa Regionale, esistono dei vizi di costituzionalità importanti.

Nel parere relativo alla legittimità costituzionale delle disposizioni contenute nella Proposta di Legge regionale n.95/2016 infatti, si evince che “considerato il complessivo quadro normativo statale e la giurisprudenza che si è sviluppata, non possono essere esclusi dubbi di legittimità costituzionale rispetto alle disposizioni degli articoli 2 e 5”, e che indicazioni in merito perverranno in sede di esame della legge della Regione Emilia Romagna n.19/2016, che contiene disposizioni analoghe, attualmente in esame del TAR.

Che senso ha quindi oggi questa mozione? Non sarebbe più opportuno attendere almeno il giudizio del TAR dell’Emilia Romagna? O vogliamo credere che la “mediazione” richiesta dal Consiglio Comunale di Fermignano possa in qualche modo interferire sulla giurisprudenza di un Tribunale Amministrativo?

La sensazione che ho è che presentando questa mozione dal titolo fuorviante e strappa likes, utile a far credere a coloro che leggeranno solo il titolo, che il Consiglio Comunale di Fermignano ha facoltà di decidere l’obbligatorietà vaccinale per i bambini che frequentano gli asili, non sia altro che un’operazione puramente demagogica a sostegno esclusivamente e per l’ennesima volta dell’agenda politica del PD regionale.

Per questi motivi mi asterrò dal voto.

Fermignano, 11/04/2017

 

Mauro Grossi
consigliere comunale
MoVimento 5 Stelle – Fermignano

Lascia un commento